X
Sito ufficiale del medico estetico a Alessandria del Dott. Francesco Leva.

Per la rimozione di tatuaggi, la medicina estetica utilizza innovative tecnologie laser che consentono il trattamento dei pigmenti estranei alla cute senza ledere la zona circostante. Tra le diverse tipologie laser, il Q-switched è ritenuto il più adatto per la rimozione dei tattoo data la selettività del suo raggio. Utilizzato secondo rigorosi protocolli medici, il laser tutela il tessuto cutaneo senza lasciare segni permanenti, selezionando le particelle di colore e provvedendo alla loro rimozione.

 

LE TIPOLOGIE DI LASER Q-SWITCHED

Data la variabilità dei pigmenti di colore dei tatuaggi, la medicina estetica utilizza diverse tipologie di laser Q-Switched selezionati e distinti per frequenza e potenza del raggio. Per la rimozioni di tatuaggi realizzati con colorante nero, marrone o blu, il medico farà uso del laser Q-Switched 1064 nm e del Q-Switched 532 nm se i colori presenti sono tonalità di rosso o arancio. Una terza tipologia di laser Q-Switched è il 695 nm a Rubino selezionato per tatuaggi colorati con verde o tonalità di giallo.

 

PRIMA DI PROCEDERE ALLA RIMOZIONE

Per garantire risultati ottimali, prima di procedere alla rimozione del tatuaggio con laser è importante che il paziente sia sottoposto ad una visita di controllo pre-trattamento durante la quale il medico potrà valutare le condizioni del tessuto cutaneo e ottenere le informazioni necessarie per pianificare le modalità di trattamento, i tempi e i costi. Necessario per il medico è infatti identificare i tipi di pigmenti colorati presenti su cute, la profondità degli stessi, il grado di assorbimento del colore da parte dei tessuti sottostanti e da quanto il tatuaggio sia stato realizzato.

 

IL TRATTAMENTO LASER

Il trattamento con laser Q-Switched per la rimozione dei tatuaggi è condotto in sede ambulatoriale. In una prima fase della seduta, il medico provvede a disinfettare l’area in cui è presente il tatuaggio. Una volta calibrato il raggio laser sulla lunghezze d’onda opportuna, tenendo conto del colore e della profondità in cui si trova, il laser Q-switched si attiverà emettendo impulsi potenti in tempi brevi e frantumerà in modo mirato le particelle d’inchiostro. Durante la procedura, il raggio luminoso del laser Q-Switched viene indirizzata per alcuni secondi sulla zona di interesse su cui agirà selettivamente senza ledere le zone circostanti. La cute adiacente, inclusa la rete vascolare, rimarrà inalterata, grazie all'alto grado di selettività del trattamento. Il paziente potrà avvertire nel corso della seduta è una sensazione di calore localizzato sopportabile e indolore. Tuttavia in alcuni casi potrebbe essere utili l'applicazione di una crema ad azione anestetizzante sulla zona cutanea di interesse. Di frequente le prime sedute di trattamento laser sono ripetute dopo quattro settimane, successivamente con ad intervalli mensili stabiliti in sede pre-trattamento in base alla tipologia di tatuaggio e condizioni generali del paziente.

 

IL POST-TRATTAMENTO

Al termine di una prima seduta laser, sulla zona trattata, è prevista l'applicazione di una garza protettiva con un unguento. La cute apparirà arrossata per qualche tempo con possibile formazione localizzata di piccole croste destinate a cadere in pochi giorni. In presenza di cute particolarmente sensibile il rossore può manifestarsi con più intensità e per periodi più lunghi. Nelle successive quattro settimane, l'organismo smaltisce spontaneamente le particelle di pigmento frammentate dal laser. Il periodo di convalescenza dipende tuttavia dall’estensione del tatuaggio e dalla capacità individuale di guarigione. Durante questa fase è inoltre consigliato ridurre l'esposizione ai raggi UV e se necessario è opportuna l'applicazione di una crema ad altissima protezione solare.

 

EVENTUALI RISCHI

Rimuovere un tatuaggio non presenta rischi particolari. I risultati emersi da diversi studi scientifici hanno evidenziato come la tecnologia laser in uso per il trattamento dei tattoo conduca nella maggioranza dei casi a risultati soddisfacenti con una ridotta incidenza di effetti collaterali. Tuttavia frequenti nel post trattamento sono la comparsa di edemi localizzati, eritemi o vescicole anche ematiche e prossime crosticine destinate a cadere naturalmente senza lasciare esiti. La permanenza a lungo termine di condizioni di irritazione delle zone trattate potrebbe essere legato ad un errato utilizzo della tecnologia laser. Perciò è di fondamentale importanza che il medico preposto al trattamento laser abbia competenze nel campo e conduca la rimozione del tatuaggio seguendo le norme ambulatoriali.

 

RISULTATO FINALE

Nel corso delle diverse sedute di trattamento sarà possibile per il paziente valutare un evidente schiarimento graduale del tatuaggio destinato successivamente a sparire del tutto. L'esito estetico sarà quindi ottimale.

 

Per maggiori informazioni sulla rimozione di tatuaggi ad Alessandria viene a trovarci presso lo studio estetica Trotti – Ricci, via Cavour 13 - Alessandria - Cap 15121. Dott. Francesco Leva, oppure contattaci al:

Domande e risposte
Richiedi appuntamento
Dove ricevo

Studio Trotti - Ricci via Cavour 13, (Alessandria)

Vivacy
 
Restylane - Dermatology company Galderma's dermal fillers
 
Teoxane
 
Merz Italia Azienda Farmaceutica