X
Sito ufficiale del medico estetico a Alessandria del Dott. Francesco Leva.

In medicina estetica, la tecnologia laser rappresenta un valido strumento per la rimozione e la correzione di inestetismi estetici o funzionali, congeniti o acquisiti. Il Laser (Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation) costituisce il più avanzato tipo di sorgente luminosa a disposizione della medicina e consente l'amplificazione delle onde luminose senza ricorrere a convertitori elettronici.


I DIVERSI TIPI DI LASER

Per il trattamento dei diversi inestetismi cutanei, si distinguono variate tipologie di laser ognuno caratterizzato da una specifica lunghezza d’onda ed in grado di agire su determinate profondità cutanee selettivamente, senza danneggiare i tessuti circostanti il problema.
In medicina estetica i laser in uso sono:

  1. Laser CO2: Il suo raggio sfrutta le potenzialità dell'anidride carbonica che agendo sul contenuto acquoso delle cellule favorisce una vaporizzazione dell'inestetismo. In particolare il laser è indicato per l'eliminazione di rughe di media entità, per un ringiovanimento cutaneo ablativo, per la rimozione di verruche, fibromi, condilomi ed esiti cicatriziali di varia origine.
  2. Laser KTP: L’emissione di luce del laser a livello dei capillari sanguigni provoca un' aumento della temperatura degli stessi e la conseguente coagulazione del vaso. Per tale ragione, il laser è indicato per il trattamento di telenagectasia, microvarici, rosacea e couperose, angiomi piani, macchie ed iperpigmentazioni.
  3. Laser Q-Switched: disponibile in diverse tipologie di potenza e lunghezza del raggio, il laser è ideale per il trattamento di lesioni pigmentate della cute, macchie solari, tatuaggi, efelidi, nevi acquisiti benigni, cheratosi seborroiche e cloasma epidermico.
  4. Laser Erbium: il suo raggio emette una luce che agisce sul contenuto acquoso cellulare ed è pertanto indicato per lo skin resurfacing, la rimozione di verruche e fibromi e di cheratosi seborroiche.
  5. Laser a diodi: il suo raggio consente il trattamento nei più profondi strati dermici per la rimozione di telenagectasie, couperose, angiomi piani e stellari e per l'epilazione progressiva.
  6. Laser nd-Yag: adatto per il trattamento di capillari da 1 a 3 millimetri di diametro. È attualmente considerato il laser che può dare i migliori risultati per le teleangectasie degli arti inferiori, sia le più superficiali rossastre che quelle di colore blu.
  7. Luce pulsata: si tratta di una tecnologia con una emissione di energia luminosa in grado di agire sulla zona interessata senza ledere i tessuti circostanti. La luce pulsata permette di trattare in modo efficace e poco invasivo le iperpigmentazione e la rosacea, di eliminare tatuaggi e di favorire un ringiovanimento cutaneo non ablativo.

I laser si distinguono inoltre nelle tre grandi sezioni di: laser continui ( alto livello di potenza media), laser pulsati ( operano ad impulsi e caratterizzati da bassa potenza media) e laser super-impulsati al alta potenza ( picco di potenza di 800 watt e media di 4-5 watt per il trattamento di patologie più profonde). Anche la luce laser è distinguibile secondo quattro specifiche caratteristiche: la monocromaticità, la brillanza, la coerenza e l'unidirezionalità.


PERCHÈ SOTTOPORSI AI TRATTAMENTI

La laserterapia si è rivelata una ottima soluzione per il trattamento di molteplici problematiche cutanee dai riscontri non solo estetici. Le diverse tipologie di strumentazione laser consentono infati la rimozione di iperpigmentazioni di varia entità, di teleangectasie, di varici, verruche e xantelasmi, di migliorare l'estetica cutanea riducendo le piccole rughe d'espressione favorendo un lavoro di skin resurfacing. Il trattamento laser comprende inoltre anche altri ambiti medici, quali: patologia artro-reumatica (artrosi cervicale, artrosi dell'anca, gonalgie...), traumatologia sportiva ( stiramenti, strappi muscolari, distorsioni...), terapia riabilitativa ( riabilitazione motoria articolare...). Il Laser accelera ed inoltre favorisce i processi di cicatrizzazione, inibendo la presenza di infezioni microbiche ed ha un effetto ipermizzante con annesso miglioramento della detersione della ferita.

 

CHI PUÒ SOTTOPORSI AL LASER

La laserterapia è controindicata in presenza di particolari patologie cutanee e a carico degli organi. Anche lo stato di gravidanza e l'allattamento non sono condizioni adatte per poter iniziare le sedute di laser. Tuttavia sarà il medico nel corso di una visita pre-trattamento a stabilire le possibilità o meno di procedere alla laserterapia.


IL TRATTAMENTO

Il trattamento laser è condotto in sede ambulatoriale con anestesia locale facoltativa. Le applicazione del laser su cute si differenziano in terapia a contatto ed a scansione. Nel primo caso il medico utilizza, per il trattamento cutaneo, manipoli posti direttamente sul tessuto dove il raggio agisce nell'immediato  stimolando la zona sottostante. La terapia a scansione consente invece il trattamento di zone più ampie data l'ampiezza del suo raggio. Ogni seduta ha durata variabile di 20-50 minuti a seconda dell'inestetismo presentato dal paziente e della prevenuta scelta di suddividere il trattamento in più sedute a distanza di giorni l'una dall'altra. I tempi delle terapie sono infatti stabiliti per ogni singolo caso. Al termine della seduta il paziente potrà tornare alla propria quotidianità evitando tuttavia l'esposizione ai raggi UV nei tempi prescritti dal medico.


RISCHI DEL TRATTAMENTO

La tecnologia laser deve essere utilizzata prettamente da uno specialista. In caso di errato utilizzo del laser, potrebbero infatti presentarsi lesioni a livello cutaneo che necessiterebbero di cure e trattamenti farmacologici per una guarigione ottimale. Se infatti i tempi di permanenza del raggio e la sua potenza sono calcolati erroneamente i risultati finali potrebbero non essere quelli in previsione.

 

IL RISULTATO FINALE

La laserterapia consente la rimozione definitiva delle neoformazione cutanee e dei piccoli inestetismi localizzati. Tuttavia in caso di skin resurfacing è bene stabile che nel tempo, le piccole rughe rimosse potrebbero, per un naturale processo di invecchiamento, ripresentarsi nuovamente. Anche in caso di rimozione delle verruche, una nuova esposizione al virus papilloma potrebbe causare la generazione di nuove neoformazioni per le quali sarebbe necessario un nuovo trattamento laser.

 

Per maggiori informazioni sul trattamento laser ad Alessandria viene a trovarci presso lo studio estetica Trotti – Ricci, via Cavour 13 - Alessandria - Cap 15121. Dott. Francesco Leva, oppure contattaci al:

Domande e risposte
Richiedi appuntamento
Dove ricevo

Studio Trotti - Ricci via Cavour 13, (Alessandria)

Vivacy
 
Restylane - Dermatology company Galderma's dermal fillers
 
Teoxane
 
Merz Italia Azienda Farmaceutica