X
Sito ufficiale del medico estetico a Alessandria del Dott. Francesco Leva.

La cellulite o PEFS (pannicolopatia-edemato-fibro-sclerotica), è un’alterazione del tessuto ipodermico caratterizzato da un'ipertrofia delle cellule adipose. A causa della ritenzione idrica e della fibrosi tissutale l'aspetto della cute è nettamente antiestetico e per la sua conformazione comunemente definito “a buccia di arancia”. Per l'eliminazione della cellulite e quindi il ripristino del sistema circolatorio e linfatico, la medicina estetica propone un crescente numero di trattamenti riparativi in grado di rispondere alle esigenze del paziente senza ricorrere a prodotti e tecniche invasivi.


GLI STADI DELLA CELLULITE

Con la cellulite il tessuto sottocutaneo e cutaneo si infiammano a causa di disturbi della microcircolazione sanguigna e dell'aumento di radicali liberi. L'inestetismo, in base allo stato di alterazione del tessuto adiposo si distingue in quattro stadi:

1° STADIO: i vasi sanguigni presentano un’instabile permeabilità della parete e ciò determina una trasudazione del plasma, il ristagno e l'accumulo negli spazi interstiziali. La pelle diventa in questo caso più pastosa e meno elastica. Si tratta di un processo reversibile.

2° STADIO: si accentuano i fenomeni del primo stadio. Le fibrille reticolari circostanti gli adipociti sono in numero maggiore e più spessi. Ciò peggiora la condizione del micro-circolo ledendo alla elasticità cutanea. Inoltre diminuiscono gli scambi e si determina un ristagno di tossine. L’epidermide si presenta così più pallida ed ipotermica.

3° STADIO: in questo stadio si formano dei micro-noduli incapsulati in fibre di collagene che ostacolano gli scambi metabolici. Inizia così una sclerosi del connettivo della pelle che si presenta  fibrosa e, in definizione, “a buccia d’arancia” con leggero dolore alla palpazione.

4° STADIO: si tratta di una condizione più grave, caratterizzata da un complesso stato infiammatorio. I micronoduli generano dei macronoduli evidenti alla palpazione. La loro grandezza e conformazione li rende mobili e dolenti alla pressione ed al sollevamento della plica cutanea. Il quarto stadio evolve in fibrosi, processo irreversibile in cui le fibrille di collageno disposte in una trama fitta, aderiscono in profondità alle fasce muscolari. L’aspetto della pelle appare ondulato pallido con ipodermia distrettuale.

 

LE CAUSE DELLA CELLULITE

Il problema della cellulite è da ricondurre a fattori non solo genetici. A determinare la sua comparsa è anche lo stile di vita. Cattive abitudini alimentari (abuso di sale, grassi, alcool, caffè), bere poco e la sedentarietà sono le principali cause del problema. A queste si aggiungono la predisposizione fisica, quindi la familiarità, l'obesità e l'utilizzo di farmaci anticoncezionali. La cellulite può inoltre presentarsi nel corso di una gravidanza e in relazione a malattie vascolari o endocrine specifiche e stipsi. L'associazione di questi fattori può determinare un peggioramento della patologia e pertanto è consigliato prima ancora di ricorrere a trattamenti estetici, migliorare le proprie abitudini alimentare e praticare sport.


I TRATTAMENTI PER CURARLA

Quando attività fisica e sana alimentazione non sono sufficienti per l'eliminazione della cellulite, è possibile ricorrere a trattamenti specifici di medicina estetica. La scelta tra le varie soluzioni proponibili è prettamente legata alla forma di cellulite presentata dal paziente e quindi alle costatazioni del medico definite nel corso di una visita pre-trattamento.  In particolare per la cura della cellulite, si rivelano efficaci i trattamenti di carbossiterapia e mesoterapia, talvolta associati a radiofrequenza e cavitazione.

 

CARBOSSITERAPIA

La terapia consiste in microiniezioni di anidride carbonica nelle zone di interesse, somministrate tramite un microago sterile direttamente collegato a un’apparecchiatura che la eroga in forma controllata e bilanciata. Il trattamento, ripristinando la funzionalità micro-circolatoria dell'organismo, produce un efficace incremento della velocità del flusso ematico tissutale e agisce sugli sfinteri pre-capillari determinandone un rilassamento delle fibrocellule muscolari lisce. La carbossiterapia induce inoltre un aumento della deformabilità eritrocitaria. Ogni seduta medica ha durata di 20-30 minuti ed è richiesto un ciclo terapeutico dalle 10 alle 20 sedute, da ripetere almeno 1 o 2 volte nel corso dell'anno.

 

MESOTERAPIA

Il trattamento prevede l'inoculazione nel derma di uno o più farmaci ad azione specifica puri o se opportuno diluiti in soluzione fisiologica. Le iniezioni sono praticate strettamente al livello mesodermico poiché il tessuto presenta una favorevole predisposizione al trattenimento della sostanza utile, e alla sua distribuzione lenta ai tessuti limitrofi. Per la cellulite la mesoterapia utilizza farmaci che svolgono un'azione lipolitica e linfodrenante, in grado di ridurre ulteriormente la ritenzione idrica nella zona di interesse. Le sedute hanno durata variabile di 20-30 minuti e non richiedono necessariamente il ricorso ad anestesia locale.

 

LIPOCAVITAZIONE

La lipocavitazione prevede l’utilizzo di appositi macchinari ad ultrasuoni bassa frequenza. L'effetto termico generato dal macchinario permette di aumentare la micro-circolazione e il volume delle cellule adipose mentre il conseguente effetto meccanico e di cavitazione producono delle microbolle all’interno degli adipociti dettandone un'implosione. Una volta distrutti gli adipociti quindi, il sistema linfatico e i naturali processi metabolici provvedono alla loro definitiva eliminazione. La seduta medica ha una durata variabile di 30-40 minuti a seconda dell'estensione della zona da trattare e non richiede necessaria anestesia.

 

ALTRI TRATTAMENTI

Per la cellulite è possibile ricorrere ad ulteriori soluzioni medico-estetico tra cui massaggi linfodrenanti e sedute di radiofrequenza.


RISULTATO FINALE

I trattamenti proposti dalla medicina estetica per la cura della cellulite favoriscono un evidente miglioramento dello stato del derma senza lasciare segni evidenti. Tuttavia per evitare che a seguito di specifiche sedute mediche, a distanza di tempo il problema possa presentarsi nuovamente è consigliato condurre uno stile di vita più sano. Bere molto e associare all'attività fisica, una sana alimentazione sono le principali indicazioni per vivere sano. Inoltre è proponibile in alcuni casi sottoporsi ad ulteriori trattamenti non invasivi nel corso degli anni.

 

ALCUNE FOTO DIMOSTRATIVE DI QUESTO TRATTAMENTO

Trattamento chirurgico della cellulite

Trattamento chirurgico della cellulite prima

Trattamento chirurgico della cellulite dopo

Bisturi specifico per detti fibroso responsabili della cellulite

Trattamento chirurgico della cellulite

 

Per maggiori informazioni sulla cellulite ad Alessandria vieni a trovarci presso lo studio estetica Trotti – Ricci, via Cavour 13 - Alessandria - Cap 15121. Dott. Francesco Leva, oppure contattaci al:

Domande e risposte
Richiedi appuntamento
Dove ricevo

Studio Trotti - Ricci via Cavour 13, (Alessandria)

Vivacy
 
Restylane - Dermatology company Galderma's dermal fillers
 
Teoxane
 
Merz Italia Azienda Farmaceutica